HIV/AIDS: stop all’epidemia entro il 2030. Ecco la strategia, le linee guida e i consigli dell’Oms in occasione della Giornata mondiale

Atención, se abre en una ventana nueva. PDFImprimirCorreo electrónico

stopsidaHIV/AIDS: stop all’epidemia entro il 2030. Ecco la strategia, le linee guida e i consigli dell’Oms in occasione della Giornata mondiale

Ginecologia: Malattie sessualmente trasmissibili OMS

29 Nov 2017

A metà del 2017, 20,9 milioni di persone affette da HIV stavano ricevendo l’ART (trattamento antiretrovirale): una copertura globale del 53% di adulti e bambini. L’Oms sta supportando i paesi ad accelerare i loro sforzi per diagnosticare e trattare tempestivamente le popolazioni più vulnerabili.

L’espansione dell’accesso alle cure è al centro di una nuova serie di obiettivi per il 2020 che mirano a porre fine all’epidemia di AIDS entro il 2030. LINEE GUIDA ANTIRETROVIRALI – LINEE GUIDA AUTOTEST – LINEE GUIDA HIV AVANZATO – LINEE GUIDA RISPOSTA SALUTE PUBBLICA  – PREVENIRE L’AIDS – STRATEGIA 2016-2021.

L’HIV continua a essere un importante problema di salute pubblica globale, con un bilancio negativo finora di oltre 35 milioni di vite. Nel 2016, 1,0 milioni di persone sono morte per cause correlate all’HIV a livello globale.

Alla fine del 2016 ci sono stati circa 36,7 milioni di persone che hanno contratto l’HIV con 1,8 milioni di persone che si sono recentemente contagiate nel 2016 a livello mondiale.

Il 54% degli adulti e il 43% dei bambini che vivono con l’HIV sono attualmente sottoposti a terapia antiretrovirale permanente (ART).

La copertura globale della ART per le donne in gravidanza e in allattamento che vivono con l’HIV è alta al 76%.

La regione africana dell’Oms è la più colpita, con 25,6 milioni di persone che vivono con l’HIV nel 2016. La regione africana rappresenta anche quasi i due terzi del totale globale di nuove infezioni da HIV.

L’infezione da HIV viene spesso diagnosticata attraverso test diagnostici rapidi (RDT), che rilevano la presenza o l’assenza di anticorpi anti-HIV. Molto spesso questi test forniscono risultati in giornata, essenziali per la diagnosi e per il trattamento e la cura precoci.

Le popolazioni chiave sono gruppi a maggior rischio di contrarre l’HIV indipendentemente dal tipo di epidemia o dal contesto locale. Includono: uomini che fanno sesso con uomini, persone che fanno uso di droghe, persone in carcere e altri ambienti chiusi, prostitute e loro clienti e persone transgender.

Le popolazioni chiave hanno spesso problemi legali e sociali legati ai loro comportamenti che aumentano la vulnerabilità all’HIV e riducono l’accesso ai programmi di test e di trattamento.

Nel 2015, circa il 44% delle nuove infezioni si è verificato tra le popolazioni chiave e i loro partner.

Non esiste una cura per l’infezione da HIV. Tuttavia, i farmaci antiretrovirali (ARV) efficaci possono controllare il virus e aiutare a prevenire la trasmissione in modo che le persone con HIV e quelle a rischio sostanziale possano godere di una vita sana, lunga e produttiva.

Si stima che attualmente solo il 70% delle persone con HIV conoscono il loro stato. Per raggiungere l’obiettivo del 90%, altri 7,5 milioni di persone devono accedere ai servizi di test HIV. A metà 2017, 20,9 milioni di persone affette da HIV stavano ricevendo la terapia antiretrovirale (ART) a livello globale.

Tra il 2000 e il 2016, le nuove infezioni da HIV sono diminuite del 39% e le morti per HIV si sono ridotte di un terzo con 13,1 milioni di vite salvate a causa di ART nello stesso periodo. Questo risultato è stato il risultato di grandi sforzi da parte dei programmi nazionali per l’HIV sostenuti dalla società civile e da una serie di partner per lo sviluppo.

Questa la situazione mondiale dell’HIV/AIDS descritta dall’Oms in occasione della giornata mondiale del 1° dicembre.

Nel 2016, l’Oms ha pubblicato la seconda edizione delle linee guida sull’uso dei farmaci antiretrovirali per il trattamento e la prevenzione dell’infezione da HIV. Queste linee guida raccomandano di fornire ART per tutta la vita a tutte le persone che vivono con l’HIV, compresi bambini, adolescenti e adulti, donne in gravidanza e che allattano, indipendentemente dallo stato clinico o dalla conta delle cellule CD4.

Entro la metà del 2017 ben 122 paesi hanno già adottato questa raccomandazione che copre oltre il 90% di tutto il PLHIV a livello globale.

Le linee guida 2016 includono nuove alternative ARV con maggiore tollerabilità, maggiore efficacia e tassi più bassi di interruzione del trattamento rispetto ai medicinali attualmente utilizzati: dolutegravir e efavirenz a basso dosaggio per la terapia di prima linea e raltegravir e darunavir / ritonavir per la seconda terapia di linea.

La transizione a queste nuove opzioni ARV è già iniziata in più di 20 paesi e si prevede che migliori la durata del trattamento e la qualità dell’assistenza delle persone affette da HIV.

Nonostante i miglioramenti, restano opzioni limitate per neonati e bambini piccoli. Per questo motivo, l’Oms e i partner stanno coordinando gli sforzi per consentire uno sviluppo più rapido e più efficace e l’introduzione di formulazioni pediatriche antiretrovirali appropriate all’età.

Inoltre, 1 su 3 persone affette da HIV si presentano per curarsi con malattia avanzata, a basso numero di CD4 e ad alto rischio di malattie gravi e morte.

Per ridurre questo rischio, l’Oms raccomanda che questi pazienti ricevano un “pacchetto di cure” che include test e prevenzione delle più comuni infezioni gravi che possono causare la morte, come la tubercolosi e la meningite da criptococco, oltre all’ART.

Sulla base delle nuove raccomandazioni dell’Oms per il trattamento di tutte le persone che vivono con l’HIV, il numero di persone che hanno ottenuto l’ART è aumentato da 28 milioni a tutti i 36,7 milioni di persone che vivono con l’HIV.

A metà del 2017, 20,9 milioni di persone affette da HIV stavano ricevendo l’ART a livello globale, il che significava una copertura globale del 53% di adulti e bambini. Tuttavia, sono necessari ulteriori sforzi per aumentare le cure, in particolare per bambini e adolescenti.

Solo il 43% di loro aveva ricevuto ARV alla fine del 2016 e l’Oms sta supportando i paesi ad accelerare i loro sforzi per diagnosticare e trattare tempestivamente queste popolazioni vulnerabili.

L’espansione dell’accesso alle cure è al centro di una nuova serie di obiettivi per il 2020 che mirano a porre fine all’epidemia di AIDS entro il 2030. La sessantanovesima Assemblea mondiale della sanità ha approvato una nuova strategia per il settore sanitario globale sull’HIV per il periodo 2016-2021.

La strategia include 5 target strategici che guidano le azioni prioritarie dei paesi e dall’Oms nei prossimi sei anni.

I target strategici sono:

· informazioni per l’azione mirata (conosci la tua epidemia e la risposta);

· interventi per l’impatto (che coprono la gamma di servizi necessari);

· agire secondo equità (che copre le popolazioni bisognose di servizi);

· finanziamento per la sostenibilità (copertura dei costi dei servizi);

· innovazione per una accelerazione (guardando al futuro).

L’Oms è un co-sponsor del Programma congiunto delle Nazioni Unite per l’AIDS (UNAIDS).

All’interno dell’UNAIDS, l’OMS conduce attività sul trattamento e la cura dell’HIV, la co-infezione da HIV e tubercolosi e coordina congiuntamente con l’UNICEF il lavoro sull’eliminazione della trasmissione dell’HIV da madre a figlio.

I comportamenti e le condizioni che mettono gli individui a maggior rischio di contrarre l’HIV includono:

· fare sesso anale o vaginale non protetto;

· avere un’altra infezione a trasmissione sessuale come sifilide, herpes, clamidia, gonorrea e vaginosi batterica;

· condividere aghi contaminati, siringhe e altre attrezzature per l’iniezione e soluzioni per farmaci quando si iniettano farmaci;

· ricevere iniezioni non sicure, trasfusioni di sangue, trapianti di tessuti, procedure mediche che comportano taglio o piercing non sterili;

· subire lesioni accidentali da punture d’ago, anche tra gli operatori sanitari.

Il test HIV dovrebbe essere volontario e il diritto di rifiutare i test dovrebbe essere riconosciuto. Prove obbligatorie o forzate da parte di un fornitore di assistenza sanitaria, di un’autorità o di un partner o di un familiare non sono accettabili in quanto minano buone pratiche di sanità pubblica e violano i diritti umani.

Vengono introdotte nuove tecnologie per aiutare le persone a mettersi alla prova, con molti paesi che implementano il self-test come opzione aggiuntiva per incoraggiare la diagnosi dell’HIV.

L’autotest dell’HIV è un processo in cui una persona che vuole conoscere il proprio stato di HIV raccoglie un campione, esegue un test e interpreta i risultati del test in privato o con qualcuno di cui si fida. L’autotest dell’HIV non fornisce una diagnosi definitiva positiva all’HIV, ma è invece un test iniziale che richiede ulteriori test da parte di un operatore sanitario.

I partner sessuali e i partner che iniettano farmaci di persone con diagnosi di infezione da HIV hanno una maggiore probabilità di essere anche sieropositivi. L’Oms raccomanda i servizi di notifica ai partner HIV assistiti come un modo semplice ed efficace per raggiungere questi partner, molti dei quali non diagnosticati e inconsapevoli della loro esposizione all’HIV, e possono ricevere supporto e l’opportunità di testare l’HIV.

Tutti i servizi di test HIV devono seguire i principi delle 5 raccomandati dell’Oms:

· consenso informato;

· riservatezza;

· counseling;

· risultati corretti del test;

· connessione (collegamento a cura, trattamento e altri servizi).

Gli individui possono ridurre il rischio di infezione da HIV limitando l’esposizione a fattori di rischio. L’Oms elenca gli approcci chiave per la prevenzione dell’HIV, che sono spesso usati in combinazione.

Uso del preservativo maschile e femminile

L’uso corretto e coerente di preservativi maschili e femminili durante la penetrazione vaginale o anale può proteggere contro la diffusione di infezioni a trasmissione sessuale, incluso l’HIV. Le prove mostrano che i preservativi in ​​lattice maschile hanno un effetto protettivo dell’85% o superiore contro l’HIV e altre infezioni trasmesse sessualmente (STIs).

Test e consulenza per HIV e IST

I test per l’HIV e altre IST sono fortemente consigliati per tutte le persone esposte a uno qualsiasi dei fattori di rischio. In questo modo le persone imparano il proprio stato di infezione e accedono senza indugio ai necessari servizi di prevenzione e trattamento. L’Oms raccomanda anche di offrire test per partner o coppie. Inoltre, l’Oms sta raccomandando approcci di notifica ai partner assistiti in modo che le persone con HIV ricevano supporto per informare i loro partner da soli o con l’aiuto di operatori sanitari.

Test e consulenza, collegamenti alla cura della tubercolosi

La tubercolosi (TB) è la più comune malattia e causa di morte tra le persone con HIV. È fatale se non rilevato o non trattato ed è la principale causa di morte tra le persone con HIV, responsabile di 1 su 3 decessi associati all’HIV.

La diagnosi precoce della tubercolosi e il tempestivo collegamento con il trattamento della tubercolosi e l’ART possono prevenire questi decessi. Lo screening della TB dovrebbe essere offerto di routine ai servizi di cura dell’HIV e il test di routine dell’HIV dovrebbe essere offerto a tutti i pazienti con TB presunta e diagnosticata. Le persone con diagnosi di HIV e tubercolosi attiva devono iniziare urgentemente un trattamento efficace della tubercolosi (compresa la tubercolosi resistente ai farmaci) e ART. La terapia preventiva contro la tubercolosi dovrebbe essere offerta a tutte le persone con HIV che non hanno la tubercolosi attiva.

Circoncisione medico volontaria maschile (VMMC)

La circoncisione maschile medica, riduce il rischio di infezione da HIV eterosessuale acquisita negli uomini di circa il 60%. Questo è un intervento di prevenzione chiave sostenuto in 15 paesi dell’Africa orientale e meridionale (ESA) con alta prevalenza di HIV e bassi tassi di circoncisione maschile. VMMC è anche considerato un buon approccio per raggiungere uomini e ragazzi adolescenti che spesso non cercano servizi di assistenza sanitaria. Dopo la raccomandazione dell’Oms del 2007 per VMMC come ulteriore strategia di prevenzione, a quasi 15 milioni di adolescenti e uomini nell’ESA è stato fornito un pacchetto di servizi che include test dell’HIV e istruzione sull’uso sicuro del sesso e del preservativo.

Uso di droghe antiretrovirali per la prevenzione

Benefici della prevenzione di ART

Uno studio del 2011 ha confermato che se una persona sieropositiva aderisce a un regime ART efficace, il rischio di trasmettere il virus al suo partner sessuale non infetto può essere ridotto del 96%. La raccomandazione dell’Oms di iniziare l’ART in tutte le persone affette da HIV contribuirà in modo significativo alla riduzione della trasmissione dell’HIV.

Profilassi pre-esposizione (PrEP) per il partner HIV-negativo

PrEP orale di HIV è l’uso quotidiano di farmaci ARV da parte di persone HIV-negative per bloccare l’acquisizione dell’HIV. Più di 10 studi randomizzati controllati hanno dimostrato l’efficacia della PrEP nel ridurre la trasmissione dell’HIV in una serie di popolazioni tra cui coppie eterosessuali sierodiscordanti (in cui un partner è infetto e l’altro no), uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, donne transgender, rischio coppie eterosessuali e persone che fanno uso di droghe.

L’Oms raccomanda la PrEP come una scelta di prevenzione per le persone a rischio sostanziale di infezione da HIV come parte di una combinazione di approcci di prevenzione. L’Oms ha anche esteso queste raccomandazioni alle donne HIV-negative che sono incinte o che allattano al seno.

Profilassi post-esposizione per HIV (PEP)

La profilassi post-esposizione (PEP) è l’uso di farmaci ARV entro 72 ore dall’esposizione all’HIV per prevenire l’infezione. La PEP include consulenza, assistenza di primo soccorso, test dell’HIV e somministrazione di un corso di 28 giorni di farmaci ARV con cure di follow-up. L’Oms raccomanda l’uso di PEP per esposizioni professionali e non professionali e per adulti e bambini.

Riduzione del danno per le persone che iniettano e usano droghe

Le persone che fanno uso di droghe possono prendere precauzioni contro l’infezione da HIV utilizzando strumenti di iniezione sterili, inclusi aghi e siringhe, per ogni iniezione e non condividendo il farmaco utilizzando apparecchiature e soluzioni farmacologiche. Il trattamento della dipendenza, in particolare la terapia sostitutiva con oppioidi per le persone che dipendono dagli oppioidi, aiuta anche a ridurre il rischio di trasmissione dell’HIV e sostiene l’aderenza al trattamento dell’HIV. Un pacchetto completo di interventi per la prevenzione e il trattamento dell’HIV include:

· programmi per aghi e siringhe;

· terapia sostitutiva con oppiacei per le persone che dipendono dagli oppioidi e altri trattamenti basati sulla tossicodipendenza basati sull’evidenza;

·  test HIV e consulenza;

· trattamento e cura dell’HIV;

·  informazioni sulla riduzione del rischio e istruzione e fornitura di naloxone;

· accesso ai preservativi;

· gestione delle malattie sessualmente trasmissibili, della tubercolosi e dell’epatite virale.

Eliminazione della trasmissione dell’HIV da madre a figlio (EMTCT)

La trasmissione dell’HIV da una madre sieropositiva al suo bambino durante la gravidanza, il travaglio, il parto o l’allattamento al seno è detta trasmissione verticale o da madre a figlio (MTCT). In assenza di qualsiasi intervento durante queste fasi, i tassi di trasmissione dell’HIV da madre a figlio possono essere compresi tra il 15 e il 45%. Il MTCT può essere quasi completamente prevenuto se sia la madre che il bambino ricevono i farmaci ARV il prima possibile in gravidanza e durante il periodo dell’allattamento al seno.

L’Oms raccomanda l’ART per tutta la vita per tutte le persone che vivono con l’HIV, indipendentemente dal loro stadio clinico di malattia CD4, e questo include le donne che sono incinte o che allattano.

Nel 2016, il 76% delle circa 1,4 milioni di donne incinte che vivono con l’HIV hanno ricevuto globalmente trattamenti ARV per prevenire la trasmissione ai loro bambini. Un numero crescente di paesi sta raggiungendo tassi molto bassi di MTCT e alcuni (Armenia, Bielorussia, Cuba e Tailandia) sono stati formalmente convalidati per l’eliminazione dell’MTCT dell’HIV come problema di salute pubblica. Anche diversi paesi con un alto carico di infezione da HIV stanno progredendo lungo il percorso verso l’eliminazione.

 

IL NOSTRO NETWORK

● PRODURRE RADIO AZIENDALI PERSONALIZZATE
● IL MIGLIORE L’UNICO BRAND EFFICIENTE
● DALLA RADIO STORICA AD UN FUTURO TUTTO DA CREARE.

Per ordinare:

0362504530 / 3898778263
remstore.personalizzata@gmail.com